Matteo Rancan – Acquacoltura e Microrganismi

Collezione MR

La collezione MR consiste in un progetto di raccolta e collezione di microrganismi d’acqua dolce e marina. Questi sono mantenuti in colture attive al fine di disporre sempre di esemplari vivi per osservazioni, studio, eventuale produzione ed utilizzo. I lavori per la creazione del piccolo impianto si prevede siano ultimati per marzo 2019.

Acquacoltura

Nella sezione Acquacoltura sono disponibili diverse guide informative e report fotografici. Sono presenti pagine sull’allevamento e la riproduzione dei pesci e degli invertebrati acquatici, schede sulle tecniche di coltura dei microrganismi; inoltre tutorial per la costruzione di impianti e accessori ed infine vario materiale informativo.

Campionamenti

Gli appassionati di microscopia necessitano di effettuare dei campionamenti in natura per poter ammirare sotto le lenti il microcosmo. Questa sezione propone guide su materiali e tecniche di raccolta, in più è presente lo storico dei campionamenti principali svolti dal sottoscritto.

Archivio Microrganismi

L’Archivio Microrganismi è un archivio fotografico di tutti i generi di microrganismi fotografati al microscopio dal sottoscritto. Non solo: per ogni genere è associata una scheda informativa con tutte gli scatti e alcune nozioni sull’habitat, le tecniche di coltura e la tassonomia.

20160702_001855

Acquariofilia

Le schede di acquariofilia rappresentano un base informativa per l’allestimento e la gestione di acquari ornamentali e sono redatte nella prospettiva di creare acquari naturali e ricchi di vita.

Sui Social

Gli articoli e le pagine vengono condivise sulla pagina facebook “Matteo Rancan Page“.

Su Instagram “@rancanmatteo” invece vi sono molte fotografie di microrganismi e altre creature.

Inoltre è attivo il gruppo facebook “Microorganisms: culture and collection

Altre lingue del sito

Matteo Rancan: Acquacoltura & Microrganismi” è il sito principale ed è in italiano.
E’ in progetto la traduzione delle pagine più importanti in altre lingue, così da agevolare i lettori non italiani. Sebbene parziale, è già online la versione inglese:

en.matteorancan.com