La nascita di un pesce rosso

La nascita di un pesce rosso

I pesci rossi, Carassius auratus, si riproducono abbondantemente nella bella stagione. Le femmine depongono varie centinaia di uova, le quali aderiscono alle superfici e schiudono, di solito, entro una settimana. Gli avannotti crescono velocemente e se ben nutriti dopo un mese possono superare i 2,5-3 cm di lunghezza. Normalmente sostituiscono il colore giovanile dopo due o tre mesi dalla nascita.

Nel video la schiusa di un uovo:

 

Link alla scheda sui Carassius auratus: Pesce Rosso

Granchio Sesarma mederi in attività

Granchio Sesarma mederi in attività

Sesarma mederi è un granchio di piccole dimensioni originario dei mangrovieti nel sud est asiatico.

Si nutre di un gran varietà di alimenti diversi: dal materiale vegetale in decomposizione a pesci vivi che cattura abilmente. Nel filmato il granchio Sesarma mederi sta spiluccando del detrito presente sul substrato, formato inizialmente da foglie secche. Non disdegna fiori, alghe consistenti e verdure fresche!

 

La mantide fantasma e le sue prede

La mantide fantasma e le sue prede

La mantide fantasma, scientificamente nota come Phyllocrania paradoxa, deve il suo nome alla particolare tecnica di mimetismo: l’insetto appare praticamente indentico ad una foglia secca, ne riproduce le irregolarità e addirittura il comportamento, ondeggiando come le foglie al vento. E’ pressochè irriconoscibile se si trova tra le frasche o nel suolo delle foreste.

Questa mantide viene allevata con successo in cattività. Il ciclo vitale impiega circa sei o dodici mesi e la riproduzione non è troppo difficile.

Le mantidi fantasma appena nate assomigliano a delle formiche, mentre dopo poche mute diventano copie in miniatura degli adulti, facendo eccezione per la mancanza delle ali. Un esemplare completamente sviluppato misura circa 5 cm se femmine, poco meno se maschio.

La dieta si basa su insetti vari. Questa specie predilige piccoli invertebrati volanti o comunque molto attivi, tanto che spesso disdegna animali lenti come la maggior parte delle larve d’insetto.

A volte per nutrirla occorre letteramente imboccarla di cibo: per farlo si prende con una pinzetta, per esempio, una larva di camola o tarma e la si taglia. Le mantidi adorano il liquido denso che ne fuorisce: è sufficiente toccare la bocca della Phyllocrania con la preda che essa comincerà a cibarsene.

A volte la mantide oppone resistenza attaccando con le zampe raptore o fingendosi morta… Armandosi di pazienza si riuscirà nell’intento, e dopo pochi pasti probabilmente l’animale prenderà confidenza con la tecnica e sarà meno schivo.

 

 

Matteo Rancan Site 3.0

Matteo Rancan Site 3.0

Matteo Rancan Site giunge alla terza versione su una piattaforma completa con dominio proprio: matteorancan.com !

Tutti i contenuti sono meglio indicizzati e la navigazione molto più veloce; la quantità di immagini triplica così come la qualità.

Il materiale del vecchio sito per un periodo abbastanza lungo rimane al solito indirizzo: matteorancan.weebly.com . Sono in fase di rielaborazione e trasferimento, e saranno qui disponibili nei prossimi mesi!

Grazie a tutti i lettori e… al prossimo post 🙂