Condylactis riproduzione in acquario

Condylactis riproduzione in acquario

L'immagine può contenere: pianta, spazio all'aperto e acqua

Condylactis

 

Condylactis sono anemoni mediterranei con la caratteristica di insabbiarsi e ancorarsi a supporti rigidi nel substrato.

Ne ho riprodotti alcuni:

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Visione intera della vaschetta con giovanissimi Condylactis

Qui vi sono foto più ravvicinate:

 

L'immagine può contenere: fiore e natura

Giovanissima attinia della sabbia

Queste giovani attinie della sabbia sono alimentate con copepodi (dal Plancton Mix) e, quelle più cresciute, son cozze e gamberetti freschi tritati.

L'immagine può contenere: pianta, cielo, albero, spazio all'aperto, acqua e natura

Attinia della sabbia: Condylactisi riprodotti

Gammarus, riproduzione e cura dei giovani

Gammarus, riproduzione e cura dei giovani

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Gruppo riproduttivo di Gammarus

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Minuscoli Gammarus al momento della raccolta

Le cure per i giovani Gammarus appena nati

La riproduzione dei Gammarus avviene tutto l’anno, purchè le temperature e la disponibilità di cibo siano abbastanza favorevoli. Sopra i 10°C indicativamente la riproduzione dei Gammarus è regolare.

I Gammarus nati da poco appaiono già identici agli adulti e tendono a radunarsi assieme in zone riparate o in superficie, dove possono essere agevolmente raccolti e trasferiti in un piccolo acquario o contenitore per l’accrescimento. Si possono lasciare assieme ai genitori senza alcun problema di predazione, tuttavia le cure specifiche portano a miglior risultati riproduttivi.

 

Personalmente allevo i piccoli in contenitore di 5-10 litri, uso acqua prelevata da un bonsai pond quindi non sterile come quella del rubinetto, non utilizzo substrato, ma inserisco una pallina di alga verde filamentosa coltivata appositamente.

 

La dieta dei piccoli Gammarus è basata sull’alga verde, mangime di mia produzione e vegetali essiccati.

 

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Minuscoli Gammarus al momento della raccolta

Piccola vasca con alga verde per crescere giovani Gammarus

 

Alonopsis, nuova specie di zooplancton dolce in produzione

Alonopsis, nuova specie di zooplancton dolce in produzione

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Alonopsis chydoridae Matteo Rancan 

I crostacei della famiglia Chydoridae non sono molto diffusi in acquariofilia, tuttavia presentano delle caratteristiche che li rendono particolarmente interessanti in tema di crescita di avannotti di pesci d’acqua dolce nei primi giorni – settimane di vita.

E’ incominciata la produzione di questi piccoli animali “cibo vivo”, più precisamente essi appartengono al genere Alonopsis o affini.

Misurano circa mezzo millimetro, 300-600 micron, e il metodo di allevamento è piuttosto simile a quello della più famosa Daphnia, sulla quale se ne parla in Daphnia: allevamento e caratteristiche. L’alimentazione si basa su particolato in sospensione, come phytoplancton, lieviti e batteri.

Il vantaggio netto dell’uso dei chydoridi è questo: la loro biologia permette di allevarli a ciclo chiuso e continuato, tutto l’anno, dispondendo dunque costantemente di numerose piccole prede vive della dimensione del nauplio d’Artemia, ma senza l’impegno e il rischio di dover schiudere di volta in volta le uova di quest’ultimo.

Sul piano nutrizionale si può ipotizzare sia simile alla dafnia, e quindi leggermente meno nutriente di un nauplio appena nato. Ciò non è, comunque, un fattore così negativo considerando un altro beneficio che non caratterizza l’Artemia: Alonopsis e affini sopravvivono nell’acqua dell’acquario degli avannotti, riducendo al minimo, dunque, l’inquinamento prodotto da cibo non consumato e morto.

 

 

Gli Alonopsis nel giro di qualche settimana saranno disponibili allo scambio con altri appassionati.

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Alonopsis chydoridae Matteo Rancan 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Alonopsis chydoridae Matteo Rancan 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Alonopsis chydoridae Matteo Rancan 

Cibo vivo per Betta splendens avannotti e adulti

Betta splendens: cibo vivo

Cibo vivo per Betta splendens avannotti e adulti

 

Il successo nella riproduzione del Betta splendens è spesso legato alla qualità dell’alimentazione sia dei riproduttori, sia degli avannotti. Il cibo vivo si rivela spesso l’alternativa migliore, ed assieme ad un’attenta manutezione dell’acquario degli avannotti porta ad ottenere ottimi risultati nella crescita e nel tasso di sopravvivenza dei piccoli Betta.

Quali siano i miglior cibi vivi per pesci d’acquario li abbiamo analizzati nell’articolo Cibo vivo per pesci d’acquario: quali sono le specie migliori , mentre in questa pagina ci dedicheremo al tipo di alimentazione specifica per gli avannotti di Betta splendens.

 

Tipo di alimentazione per Betta splendens prima della riproduzione

Il Betta splendens si può nutrire con vari mangimi secchi e, qualche volta alla settimana, una porzione di cibo vivo. In particolar modo nel periodo preparatorio alla riproduzione, i Betta dovrebbe essere alimentati in maniera più sostanziosa, senza eccedere, allo scopo di far esprimere loro tutto il potenziale riproduttivo: più uova e di maggior qualità.

Un buon cibo vivo per Betta adulti non dovrebbe essere di dimensioni troppo grandi, piuttosto prede in maggior numero ma di grandezza inferiore. Ad esempio un buon pasto potrebbe essere uno o due giovani Gammarus, dei gamberetti tra i più sostanziosi fra i cibi vivi. Altrimenti, una decina di Dafnia oppure qualche tubifex. Sono molto apprezzate dai Betta le drosofile, piccoli moscerini.

Questo genere di alimento può essere fornito alternato al cibo secco, quindi circa un giorno sì ed uno no. Seguendo questa dieta arricchita nelle settimane precedenti al momento in cui si desidera riprodurre i Betta, essi ne trarranno giovamento.

 

Come nutrire gli avannotti di Betta: primi giorni

Alla nascita gli avannotti di Betta non si nutrono subito: conservano per qualche giorno il sacco vitellino dall’uovo, da esso ne ricavano i nutrimenti necessari per crescere e svilupparsi meglio, in particolare il sistema locomotore deve diventare più efficiente: il pesciolino appena nato non riesce a mantenersi orizzontale e a spostarsi con destrezza, mentre dopo 2 o 3 giorni inizia ad avere successo in questa attività. E’ il momento di incominciare a nutrirlo.

Paramecio: cibo vivo per avannotti Betta

Il primo cibo per gli avannotti di Betta

Gli avannotti di Betta splendens sono piuttosto piccoli e si nutrono perciò di prede microscopiche. Tipicamente si utilizza il micron (millesimo di millimetro) per descrivere la dimensione delle prede adatte.

I primi pasti possono essere offerti con la microfauna, o più precisamente gli infusori. Questi gruppo di organismi include tantissime specie e la maggior parte non è così ideale nutrizionalmente parlando; anzi, in generale, non sono molto ricchi. Tuttavia non esiste una valida alternativa per dimensioni così ridotte, ovvero 100-300 micron.

Alcuni allevatori utilizzano il nauplio di Artemia fin da subito: consiste nella larva appena uscita dall’uovo del gamberetto d’acqua salata più famoso dell’acquariofilia, l’Artemia salina. Questo metodo può andare bene, però non tutti gli avannotti potrebbero riuscire ad ingerirlo. E’ quindi in questa speciale fase che gli infusori tornano utili: non sono il massimo del nutrimento, ma sono abbastanza piccoli da essere predati con facilità e permettere quindi all’avannotto di Betta di crescere quel tanto da poter cibarsi senza problemi del nauplio di Artemia.

Spesso gli infusori sono già presenti, scarsamente, nell’acqua dell’acquario. Si possono comunque produrre in una bottiglietta a parte e somministrarli con un siringa direttamente ai piccoli pesci. In caso, la specie migliore da utilizzare per molti aspetti risulta essere il paramecio.

 

Microworms per avannotti Betta

 

La crescita degli avannotti di Betta: ogni età ha il suo cibo vivo

Dafnia, cibo vivo per Betta cresciuti

Come visto, entro la prima settimana tutti i piccoli di Betta si nutrono con facilità di nauplii di Artemia. Sottolineo che questi è bene allevarli in una o due bottiglie o schiuditoi a parte (per maggior informazioni —> Guida Artemia salina )

Siccome variare la dieta è spesso benefico, in acquariologia esistono alcune alternative o integrazioni all’alimentazione basata sull’Artemia. Questi altri cibi vivi sono in genere piccoli vermi, nematodi, che prendono il nome di anguillola dell’aceto e di microworms. Il loro allevamento è facile e poco impegnativo, anche se meno inodore rispetto a quello dei precedenti cibi vivi menzionati.

Quando i piccoli Betta misurano almeno un paio 1,5 o 2 cm, molto probabilmente apprezzano i copepodi. D’acqua dolce esistono i Cyclops, i quali si possono produrre sempre in una bottiglietta. Non è indispensabile fornirli.

Infine, quando ormai non sono più avannotti, i Betta apprezzano la dafnia e il tubifex.

 

Dove trovare il cibo vivo per Betta?

In alcuni negozi o su internet si riescono a reperire molti tipi di cibo vivo. A volte anche io ne ho da cedere.

Per qualunque altra info mi si può scrivere a info@matteorancan.com

 

Cibo vivo per Betta adulti e avannotti

 

 

 

 

Nuovo sito sull’Acquario Marino Mediterraneo

Nuovo sito sull’Acquario Marino Mediterraneo

Il mio nuovo sito sull’Acquario Marino Mediterraneo. Ospiterà nuovi articoli e schede dedicati all’allestimento, alla gestione e agli organismi dell’acquario marino mediterreno – il nostro mare in acquario.

ACQUARIO MARINO MEDITERRANEO