[VIDEO] Larve di Palaemon elegans 3 gg

Larve di Palaemon elegans 3 gg

Seguono gli aggiornati sulle larve di Palaemon elegans. Oggi 22/5/18 è il terzo giorno dalla nascita, la dimensione dei gamberetti è decisamente aumentata, sebbene le esuvie non siano state rinvenute interamente. L’alimentazione è basata su fitoplancton e nel pomeriggio è iniziata la somministrazione di spirulina pura non lavorata (cellule singole essiccate).

[VIDEO] Larve di Palaemon – colture accrescimento

Larve di Palaemon – colture accrescimento

Due contenitori per l’accrescimento delle larve di Palaemon elegans nate in acquario.

Il movimento e l’ossigenazione dell’acqua sono affidati all’areazione artificiale. Illuminazione con LED e CFL a bassa temperatura di colore.

Il nutrimento, per il momento, consiste in acqua verde contenente microalghe (fitoplancton) e ciliati.

 

 

[FOTO] Larve di Palaemon elegans nate in acquario 19/5/18

[FOTO] Larve di Palaemon elegans nate in acquario

Il tentativo di riprodurre Palaemon elegans in acquario sta procedendo positivamente. Il gamberetto femmina in acquario dall’autunno ha avuto la discesa delle uova nei pleopodi circa un mese fa (data esatta sconosciuta) e questa mattina sono schiuse.

Nella bacinella vi sono alcune decine di larve planctoniche inserite in acqua di un progetto separato, il “phyto-acquario” contenente, in breve, una buona quantità di fitoplancton ed altri microrganismi che dovrebbe nutrire le larve per il primo periodo.

In questo tentativo di riproduzione di Palaemon elegans non ripongo molta fiducia, soprattutto per il possesso di sole attrezzature elementari. Aggiornerò comunque sugli sviluppi.

Le fotografie:

Larva di Palaemon elengans al microscopio 40 x

Larva di Palaemon elengans – particolare capo e occhi, al microscopio 100x

 

Larve di Palaemon elengans

Larve di Palaemon elengans

Larve di Palaemon elengans

Larve di Palaemon elengans

Larve di Palaemon elengans

Larve di Palaemon elengans

Al prossimo aggiornamento…

 

 

Colture in vetro 18/5/18

Colture in vetro 18/5/18

Nuove colture in dame di vetro da 5 lt per il mio Zooplancton marino: copepodi, rotiferi, ciliati, artemie.

I vantaggi dell’uso di contenitori di questo materiale sono numerosi, tra cui il controllo più facile, la riutilizzabilità e la maggior semplicità delle operazioni di pulizia e sterilizzazione.

 

Al momento per lo zooplancton marino ho dedicato 12 colture di 5 lt + alcune barattoli secondari. Grazie alla analisi più frequenti riesco ad aver una minor percentuale di collassi, il che mi consente di tenere meno colture lasciando inalterata la resa finale. Per il momento sono soddisfatto, considerando che riesco ad alimentare vari pesci unicamente a plancton ed avanzarne pure. 😀

Al prossimo aggiornamento…

Salarias fasciatus o bavosa fasciata- nuovo arrivo per il marino tropicale

Salarias fasciatus o bavosa fasciata- nuovo arrivo per il marino tropicale

La bavosa fasciata è il nuovo arrivato nell’acquario marino tropicale. E’ un blennide abbastanza grande, dai colori non appariscenti come altre specie. Si nutre di alghe o semplicemente mangime secco. Raggiunge la lunghezza di 10-15 cm

L'immagine può contenere: nuotare e acqua

Bavosa fasciata

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Bavosa fasciata

 

Da notare l’acqua particolarmente verde, grazie al fitoplancton introdotto in abbondati dosi. Si tratta di un metodo d’avvio di cui parlerò in un prossimo articolo.

[VIDEO] Varie nuove colture zooplancton 1/5/18

Varie nuove colture zooplancton 1/5/18

Varie nuove colture di zooplancton avviate in questi giorni. Utilizzo barattoli di vetro, acqua marina con salinità da 30 a 35 x 1000, illuminazione da 700 a 2000 lux circa. Specie: Artemia salina, copepodi harpacticoidi, rotiferi Brachionus, ciliati.

 

Gammarus: accrescimento nati fine inverno/inizio primavera 2018

Gammarus: accrescimento nati fine inverno/inizio primavera 2018

L’accrescimento dei giovani Gammarus si può attuare in contenitori semi sterili, senza allestimento, in modo da poter rimuovere sistematicamente avanzi e detrito così da ridurre la proliferazione di batteri al minimo e mantenere (anche grazie all’areazione artificiale) la massima concentrazione di ossigeno possibile.

L’alimentazione in questa fase è abbastanza varia e predilige derivati animali composti in maggioranza da materiale proteico, così da stimolare la crescita. Alterno vegetali essiccati (zucchina), mangime secco MRA, spirulina, pezzi di pesce decongelato.

Quattro delle varie vasche d’accrescimento

 

Regolazione flusso d’aria

Gammarus taglia s

Gammarus taglia m