Esperienza avvio alternativo acquario marino “Phyto Acquario”

Resoconto di un’esperienza di avvio alternativo di un acquario marino

Questo metodo alternativo per l’avvio dell’acquario consiste nell’utilizzare un alto quantitativo di fitoplancton (e zooplancton) fin dal riempimento della vasca.

La funzione del fitoplancton concentrato riguarda l’assorbimento delle sostanze di scarto provenienti dai pesci o liberate da sostanze in decomposizione, contemporaneamente costituisce l’alimentazione di numerosi organismi sulle rocce e sul DSB.

I principali punti a favore che ho potuto constatare in questa esperienza sono la notevole crescita degli organismi tra le rocce, copepodi e micro detrivori; la concentrazione di composti azotati sempre molto bassa. Contro vi è la scarsa visibilità per gli 1-2 mesi in cui si mantiene l’acqua verde.

Come ho gestito l’acquario nell’avvio

Pochi giorni dopo il riempimento della vasca di 200 litri ho introdotto 3 lt di fitoplancton e 1 di zooplancton. Dopo 1 settimana ho collegato un refugium e inseriti altri 5 litri di fitoplancton e 2 di zooplancton. Nell’arco delle due settimane seguenti sono giunto ad un totale di inserimento di circa 12-13 lt di fitoplancton e 4-5 lt di zooplancton.

La luce meno fredda di quella tradizionale marina (6500 K) direzionata vicino il getto delle pompe ha permesso una buona illuminazione delle cellule passanti ed una relativa crescita.

Alcune immagini:

Primissimi giorni, con una sola somministrazione di plancton
Aumentate le somministrazioni e collegati gli altri acquari
Aumentati gli animali presenti, nessuna ulteriore integrazione di plancton, aumento illuminazione

 

Seguono alcuni degli organismi planctonici e bentonici cresciuti rapidamente grazie a queste particolari condizioni:

 

 

 

In questo preciso caso, questo metodo di avvio ha dato buoni risultati. Nelle prime settimane l’acqua è rimasta verde, successivamente ho proceduto con l’attivazione di uno skimmer, cambio d’acqua, modifica dell’illuminazione e inserimento di solo zooplancton. L’acqua in alcuni giorni è tornata limpida, ma sono rimasti vari organismi utili che avrebbe probabilmente impiegato mesi o più per crescere così bene.

Se qualcuno volesse provare, consapevole del rischio che non funzioni o funzioni in modo indesiderato, mi scriva pure a info@matteorancan.com per raccontarmi come è andata e pareri a riguardo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vuoi rimanere aggiornato?

Lascia un like alla pagina!