Benthos per gli acquari d’acqua dolce naturali

Benthos per gli acquari d’acqua dolce naturali

Alla base del buon funzionamento di un acquario naturale vi è la rete alimentare che si crea all’interno. Non è sufficiente equilibrare la quantità di pesci con quella delle piante per raggiungere una stabilità duratura: è importante considerare anche quegli organismi che, nonostante appaiano secondari, contribuiscono significativamente al buon andamento dell’acquario.

Il Benthos

La maggior parte degli organismi minori si insedia sul e nel fondale. Alcune specie vi scavano, altre vivono in superficie cibandosi dei depositi edibili. Questa comunità di viventi si chiama benthos.

I vantaggi del fondo vivo

Un fondo attivo biologicamente è decisamente più efficiente ed utile di uno strato di sabbia inerte.

Tra i vantaggi principali:

  • rapida decomposizione del detrito: deiezioni, piccoli animali morti, foglie marce e mangime avanzato vengono velocemente inglobati e degradati dal fondale
  • incremento nel ciclo dell’azoto, in quanto viene aumentata la regione utile per la proliferazione dei batteri ossidanti
  • fonte naturale di cibo per pesci e invertebrati: il fondale non è più un deposito di feci, ma un area piena di vita

Altri vantaggi:

  • minore inquinamento da azoto in colonna: la materia organica in decomposizione non diventa interamente inorganica, ma entra nella biomassa degli organismi bentonici
  • maggiore fertilità per le piante radicanti

La composizione adatta del fondo

La composizione del substrato va sempre studiata e progettata con criterio. Le scelte impulsive volte puramente all’estetica, dimenticando la funzionalità, portano al rapido abbandono dell’hobby poichè ingestibile.

Compatibilmente con gli animali ospitati, un buon fondo dovrebbe avere una composizione varia, con componenti fini e più grossolane. Un’ottima combinazione è la sabbia di fiume con lapillo vulcanico, ma negli acquari con poco o nullo movimento si rivela molto valido anche il terriccio. Quest’ultimo consiste in terra d’orto, humus di lombrico o altro genere di terricci non concimati che, mescolati con materiali minerali o coperti da essi aiutano a dare una consistenza soffice e leggera.

Popolare il fondo con il benthos

Un fondo soffice e di composizione varia è l’ideale per ospitare innumerevoli specie bentoniche.

Come si compone il benthos in acquario?

  • Vermi: Lumbriculus, Tubifex…
  • Molluschi: chiocciole scavatrici come Melanoides, bivalvi come Corbicula
  • Protozoi ciliati tra cui i parameci ed Euplotes, i quali si insediano negli interstizi
  • Crostacei come ostracodi, copepodi e altri
  • Insetti, in particolare larve di tricotteri
  • vari altri

 

BENTHOS DOLCE MRA

Per avviare con successo, ma in fretta, i miei acquari naturali ho realizzato delle colture specifiche delle specie bentoniche. In questo modo, all’occorrenza, prelevo un certa quantità di fondo vivo dalla coltura come ricco starter per altre vasche.

 

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Coltura Benthos MRA

Al momento vi allevo Tubifex, Lombriculus, vari protozoi ciliati, chiocciole, copepodi ciclopodi, ostracodi… In area scambio sono disponibili starter per gli interessati.

Video del Benthos Dolce MRA:

 

I commenti sono chiusi